Mený principale
 Notizie
 Grafica
 Forum
 Links
 Retro Trailer
 Recensioni
 Modelli Amiga
 Storia Amiga
 Lista Utenti
 Policy sito
Ricerca Google

Login

Nick


Password


10 Settembre 2019 Postato da: divina
Fukushima -news-
*sezione libera*

per chi è sensibile ai problemi ambientali/ecologici (come me), è notizia di questi giorni, che a distanza di ormai ben 8 anni, il governo giapponese, sia suo malgrado probabilmente costretto a sversare ben un milione di tonnellate di acqua radioattiva nell' oceano Pacifico, dopo il disastro nucleare di Fukushima, non riuscendo a trovare tecnica/soluzione migliore per lo smaltimento.
In tal caso, pare che la radioattività possa durare nel tempo per centinaia/migliaia di anni; si tratterebbe pertanto di un bel "regalino" per le prossime generazioni (flora e fauna inclusa)

****
Commenti: 36  Aggiungi - Pagine: 1-2


Pagine: - [1] -2-

cgugl

Post inviati: 2025

Visulizza profilo Messaggio Personale
93.150.201.*** Mozilla/5.0 (X11; Linux x86_64; rv:68.0) Gecko/20100101 Firefox/68.0
Commento 1
cgugl 10 Settembre 2019    11:42:00
poi si mangeranno le meduse fosforescenti !

Loom4ever

Post inviati: 252

Visulizza profilo Messaggio Personale
151.50.76.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 2
Loom4ever 10 Settembre 2019    11:48:41
ho letto stamane anche io.
Anche se io ho da sempre il sospetto che lo sversamento in acqua ci sia da anni.

Mi domando piuttosto: ma tutto il pesce congelato delle più svariate marche che vendono nei supermercati da dove viene? E anche quando andiamo al giapponese, quel pesce da dove viene?

Poveri i nostri figli... e povero pianeta.

Immagine

consulenza informatica ambito aziendale - appliance sicurezza - ambienti server multipiattaforma - servizi hosting - networking

Post inviati: 3233

Visulizza profilo Messaggio Personale
217.133.133.*** Mozilla/5.0 (Macintosh; Intel Mac OS X 10.12; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 3
divina 10 Settembre 2019    11:58:56
lo sversamento "controllato" avviene da anni dopo l' evento del 2011, anche se la azienda preposta pare abbia mantenuto le promesse sigillando nei containers lo stoccaggio più importante e pericoloso (quello che pare, potrebbe essere o buttato a mare in tempi brevi, prossimi)

riguardo al pesce, di cui sono grande consumatore (lo mangio quasi tutti i giorni) ed ammetto la mia debolezza in tal senso ... cerco almeno di prenderlo fresco (non allevato) nelle zone del Mediterraneo e/o oceano Atlantico (che sta messo meglio del Pacifico, ad oggi)

Diciamo che sarebbe il colpo di grazie per il Pacifico, considerando già la pessima situazione in cui versa, anche se il danno sarebbe molto a più ampio raggio, considerando le correnti ... lo spostamento della fauna ...

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 12:00:15


Utenti in IGNORE: AfAOne, carlo

MorphOS 3.11 PowerMac G5 &&Pegasos2 G4 &&AmigaOne G4 //AmigaOS4.1 FE - AMiGA4000T&D PPC/060 &&3000D &&2000 &&1200T&D &&600 &&500+ &&500 - Mac Intel &&PowerPc - x64 servers -


Il Webmaster

Post inviati: 3318

Visulizza profilo Messaggio Personale
5.90.17.*** Mozilla/5.0 (Linux; Android 8.0.0; SAMSUNG SM-N950F Build/R16NW) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) SamsungBrowser/9.4 Chrome/67.0.3396.87 Mobile Safari/537.36
Commento 4
Mak73 10 Settembre 2019    12:25:08
Tutto quello che riguarda questo disastro è stato ampiamente oscurato, è il più grande disastro ambientale di questo genere, mai avvenuto superando di gran lunga Cernobyl.

Mi chiedo anche i prodotti tecnologici che arrivano dal Giappone come siano messi con la radio attività.

Pace e bene a tutti.

Post inviati: 139

Visulizza profilo Messaggio Personale
80.182.173.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 5 in risposta al 4 di Mak73
AfAOne 10 Settembre 2019    12:35:30
Citazione

Mi chiedo anche i prodotti tecnologici che arrivano dal Giappone come siano messi con la radio attività.

Direi nessun pericolo (salvo materiale esposto direttamente alle radiazioni), le radiazioni esistono di due identità una "corpusolare" (Alfa,Beta) e una "onde elettromagnetiche" (Gamma), le prime ricadono sulla catena alimentare e si spostano con il vento depositandosi come le polveri su terreni o nelle acque, il secondo dove includerei anche le "X" create dall'uomo viaggiano all'infinito nello spazio fino all'esaurimento, alcune delle quali hanno un tempo di dimezzamento solo dopo centinaia di anni, vedi Uranio che come sostanza radiottiva ha un dimezzamento dopo qualche secolo.

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 13:12:52


- AfA One - AROS One x86 - AROS One 68K - AfA One PPC - WinUAE OS 4.1 -

Loom4ever

Post inviati: 252

Visulizza profilo Messaggio Personale
151.45.250.*** Mozilla/5.0 (Linux; Android 8.0.0; SAMSUNG SM-G935F) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) SamsungBrowser/10.1 Chrome/71.0.3578.99 Mobile Safari/537.36
Commento 6
Loom4ever 10 Settembre 2019    13:30:23
Comunque vi consiglio di vedere la serie su Chernobyl, se non lo avete ancora fatto.
5 puntate con un ottimo cast e svela aneddoti e dettagli raccapriccianti.
Tra qualche anno faranno sicuramente qualcosa su Fukushima e ne vedremo anche lì delle brutte, con cose che ora vengono taciute.

Immagine

Post inviati: 139

Visulizza profilo Messaggio Personale
80.182.173.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 7
AfAOne 10 Settembre 2019    13:39:18
Si Chernobyl è stata una vera catastrofe, le sue radiazioni "Gamma" sono ancora in circolo nello spazio le "Alfa e le Beta" invece non dovrebbero più rappresentare un problema perchè si trovano interrate e forse ancora dentro gli organismi che le hanno assimiltate attraverso la catena alimentare.

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 13:41:07


- AfA One - AROS One x86 - AROS One 68K - AfA One PPC - WinUAE OS 4.1 -

Loom4ever

Post inviati: 252

Visulizza profilo Messaggio Personale
151.45.216.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 8 in risposta al 7 di AfAOne
Loom4ever 10 Settembre 2019    18:26:55
Citazione

Si Chernobyl è stata una vera catastrofe, le sue radiazioni "Gamma" sono ancora in circolo nello spazio le "Alfa e le Beta" invece non dovrebbero più rappresentare un problema perchè si trovano interrate e forse ancora dentro gli organismi che le hanno assimiltate attraverso la catena alimentare.



Fisico, chimico o semplice appassionato?

Immagine

Post inviati: 139

Visulizza profilo Messaggio Personale
80.182.173.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 9
AfAOne 10 Settembre 2019    18:38:23
No solo una delle tante materie che riguardavano la mia attività fatta in 40 anni da Vigile Del Fuoco, parlo di attività teoriche/pratiche, con uso di speciale strumentazione per la rilevazione e recupero di sorgenti Radiottive. Anche se molti non lo sanno ma di materiale Radiattivo se ne trova anche in ambiente "pubblico" per esempio nei Parafulmini.

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 18:42:00


- AfA One - AROS One x86 - AROS One 68K - AfA One PPC - WinUAE OS 4.1 -

Loom4ever

Post inviati: 252

Visulizza profilo Messaggio Personale
151.45.216.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 10 in risposta al 9 di AfAOne
Loom4ever 10 Settembre 2019    18:41:37
Citazione

No solo una delle tante materie che riguardavano la mia attività fatta in 40 anni da Vigile Del Fuoco, parlo di attività teoriche/pratiche, con uso di strumentazione per la rilevazione e recupero di sorgenti Radiottive. Anche se molti non lo sanno ma di materiale Radiattivo se ne trova anche in ambiente "pubblico" per esempio nei Parafulmini.



Interessante, a volte mi viene voglia di prendere un contatore Geiger e passare tra i vari scaffali dei supermercati per vedere cosa indica e su cosa... Dico davvero.

Immagine

Post inviati: 139

Visulizza profilo Messaggio Personale
80.182.173.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 11
AfAOne 10 Settembre 2019    19:05:32
Be guarda la cosa non è facile, per la rivelazione in aria si usano dei speciali compressori a filtri di carta che per un certo periodo aspirano aria e trattengono le impurità catturate nell'aria.

Naturalmente i valori rilevati vanno verificati per zona sia a livello locale che nazionale, la radioattività di fondo varia a seconda dei posti, anche nelle case si possono rilevare valori differenziati, Cemento, Tipologia Muraria etc..

Riguardo i vecchi scaffali colmi di vecchia carta in mancanza di ossigeno ci trovi il RADON (molto pericoloso), per rilevare Beta e Alfa avresi bisogno di speciali strumenti "Sonde" che vanno poste alla giusta misura, le Alfa per esempio si rilevano solo a pochissimi centimetri e lo strumento deve avere una testa molto grande, immagina uno schiaccia carne con il disco di una circonferenza di una 50 cm.

Sulle radiazioni ci sarebbero tante cose da dire, per esempio per proteggersi dalle AlfA e le Beta basta una tuta di carta e una mascherina, per le Gamma nulla ti può proteggere, puoi farti solo scudo con speciali sostanze, in primis il Piombo per le sue grandi molecole unite, l'esatto contrario dell'oro. Naturalmente il piombo no blocca ma diciamo che ne fa passare meno.

Chiudo dicendo che ci sono diverse unità di musura sia per la contaminazione che per l'assorbimento umano che differisce tra popolazione e addetti ai lavori, tra dosi giornaliere massime che si possono prendere, dosi annue e dosi letali che variano per età peso e integrità fisica.

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 19:09:07


- AfA One - AROS One x86 - AROS One 68K - AfA One PPC - WinUAE OS 4.1 -

Post inviati: 1022

Visulizza profilo Messaggio Personale
151.35.178.*** Mozilla/5.0 (Linux; Android 9; TA-1032) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/76.0.3809.132 Mobile Safari/537.36
Commento 12
majinga 10 Settembre 2019    19:34:02
Faccio un piccolo off-topic. C'è la questione dei robot esplorativi che trovo interessante.

Ci sono diversi ostacoli nell'invio di robot di esplorazione.

Un problema è che continuano a "morire" o meglio, per la maggior parte diventano "ciechi". Le videocamere che servono per manovrarli inevitabilmente vengono distrutte dalle radiazioni.
La cosa interessante è che è una cosa inevitabile. Il resto del robot può anche essere schermato, ma la videocamera deve essere per forza di cose installata dove può passare la luce e quindi anche le radiazioni.
Attualmente ci sono studi anche per algoritmi che cercano di ricostruire e migliorare le immagini dei sensori danneggiati, in modo da aumentare la durata dell'esposizione.

L'altro problema è che pilotarli i robot devono per forza essere collegati via cavo.
Le centrali nucleari hanno pareti molto spesse e a prova di radiazione, quindi un segnale wireless non ci passa.
Questo impone alle squadre di piloti di avvicinarsi il più possibile al sito.
E limita il tempo in cui ogni squadra può operare.

Inoltre il cavo è un ostacolo. Alcuni robot si sono fermati perché il cavo si era incastrato.

Ci sono anche i video dei robot che vanno in esplorazione. Si vede bene il rumore sulle immagini che sono le radiazioni che colpiscono il sensore.

Il Webmaster

Post inviati: 3318

Visulizza profilo Messaggio Personale
87.8.203.*** Mozilla/5.0 (Linux; Android 8.0.0; SAMSUNG SM-N950F Build/R16NW) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) SamsungBrowser/9.4 Chrome/67.0.3396.87 Mobile Safari/537.36
Commento 13
Mak73 10 Settembre 2019    20:16:17
Purtroppo i valori delle radiazioni torneranno a valori normali solo tra migliaia di anni, infatti i tempi di dicadimento dell' uranio 238 , che è quello più frequente in natura, sono pazzeschi. Idem per gli effetti collaterali .

Pace e bene a tutti.

consulenza informatica ambito aziendale - appliance sicurezza - ambienti server multipiattaforma - servizi hosting - networking

Post inviati: 3233

Visulizza profilo Messaggio Personale
217.133.133.*** Mozilla/5.0 (Macintosh; Intel Mac OS X 10.12; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 14
divina 10 Settembre 2019    20:54:09
piccolo OT
In recenti viaggi in Grecia, ho notato moltissime installazioni di eolico (sarà che loro hanno il meltemi) in zone montuose (di media altitudine)
Mi è parsa una soluzione molto virtuosa e magari anche nel nostro bel paese si potrebbe incidere di più in tal senso

Utenti in IGNORE: AfAOne, carlo

MorphOS 3.11 PowerMac G5 &&Pegasos2 G4 &&AmigaOne G4 //AmigaOS4.1 FE - AMiGA4000T&D PPC/060 &&3000D &&2000 &&1200T&D &&600 &&500+ &&500 - Mac Intel &&PowerPc - x64 servers -


Il Webmaster

Post inviati: 3318

Visulizza profilo Messaggio Personale
87.8.203.*** Mozilla/5.0 (Linux; Android 8.0.0; SAMSUNG SM-N950F Build/R16NW) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) SamsungBrowser/9.4 Chrome/67.0.3396.87 Mobile Safari/537.36
Commento 15 in risposta al 14 di divina
Mak73 10 Settembre 2019    21:23:56
Citazione

piccolo OT
In recenti viaggi in Grecia, ho notato moltissime installazioni di eolico (sarà che loro hanno il meltemi) in zone montuose (di media altitudine)
Mi è parsa una soluzione molto virtuosa e magari anche nel nostro bel paese si potrebbe incidere di più in tal senso



Guarda, io lavoro all'enel e vedo un po' tutte le soluzioni, secondo me al momento il problema più grosso è immagazzinarla. Riguardo alla produzione il fotovoltaico è il cosiddetto "specchio per le allodole", nel senso che il rendimento è ancora piuttosto basso, lo smaltimento però costerà un bel po', a quel punto secondo me il gioco non vale la candela. Per chi ha preso gli incentivi si, ma non per gli altri.

Pace e bene a tutti.

Post inviati: 1022

Visulizza profilo Messaggio Personale
151.35.178.*** Mozilla/5.0 (Linux; Android 9; TA-1032) AppleWebKit/537.36 (KHTML, like Gecko) Chrome/76.0.3809.132 Mobile Safari/537.36
Commento 16 in risposta al 15 di Mak73
majinga 10 Settembre 2019    21:38:43
Citazione

Guarda, io lavoro all'enel e vedo un po' tutte le soluzioni, secondo me al momento il problema più grosso è immagazzinarla. Riguardo alla produzione il fotovoltaico è il cosiddetto "specchio per le allodole", nel senso che il rendimento è ancora piuttosto basso, lo smaltimento però costerà un bel po', a quel punto secondo me il gioco non vale la candela. Per chi ha preso gli incentivi si, ma non per gli altri.


Concordo. Il problema del solare e dell'eolico è che non sono fonti di energia stabile.
Basta una nuova sopra una grossa installazione e hai un repentino calo di produzione.
Questa cosa non va bene sulla rete elettrica. La linea deve sempre essere stabile. Le centrali devono poter fornire potenza quando richiesto e soprattutto saper tenere testa ai picchi.

Sistemi di immagazzinamento efficaci per ora non ne esistono.
Se si aggiunge il fatto che la richiesta di energia elettrica aumenterà (vedi le auto elettriche), dubito che ci libereremo delle centrali nucleari a breve, anzi.

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 21:40:27

Il Webmaster

Post inviati: 3318

Visulizza profilo Messaggio Personale
87.8.203.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 17 in risposta al 16 di majinga
Mak73 10 Settembre 2019    21:58:41
Citazione

Citazione

Guarda, io lavoro all'enel e vedo un po' tutte le soluzioni, secondo me al momento il problema più grosso è immagazzinarla. Riguardo alla produzione il fotovoltaico è il cosiddetto "specchio per le allodole", nel senso che il rendimento è ancora piuttosto basso, lo smaltimento però costerà un bel po', a quel punto secondo me il gioco non vale la candela. Per chi ha preso gli incentivi si, ma non per gli altri.


Concordo. Il problema del solare e dell'eolico è che non sono fonti di energia stabile.
Basta una nuova sopra una grossa installazione e hai un repentino calo di produzione.
Questa cosa non va bene sulla rete elettrica. La linea deve sempre essere stabile. Le centrali devono poter fornire potenza quando richiesto e soprattutto saper tenere testa ai picchi.

Sistemi di immagazzinamento efficaci per ora non ne esistono.
Se si aggiunge il fatto che la richiesta di energia elettrica aumenterà (vedi le auto elettriche), dubito che ci libereremo delle centrali nucleari a breve, anzi.



Le auto elettriche non sono la soluzione, almeno non con il sistema che vogliono venderci adesso, perchè con il contatore di casa non ricarichi un cippa, e se tutti iniziano a chiedere grosse potenze per ricaricare le auto la rete collassa perchè è per la maggior parte roba dei primi anni cinquanta che ormai è al limite. Compratevi un bel generatore a benzina/diesel perchè in futuro vi servirà di più.

Pace e bene a tutti.

Il Webmaster

Post inviati: 3318

Visulizza profilo Messaggio Personale
87.8.203.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; Win64; x64; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 18
Mak73 10 Settembre 2019    22:01:22
Riguardo a Fukushima, il mio parere è che non dovremmo mai realizzare delle cose che se si rompono, creano danni ambientali a cui noi non possiamo porre rimedio.
Lasceremo un mondo terribile alle future generazioni.

Pace e bene a tutti.

Post inviati: 139

Visulizza profilo Messaggio Personale
80.182.173.*** Mozilla/5.0 (Windows NT 6.1; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 19 in risposta al 15 di Mak73
AfAOne 10 Settembre 2019    23:07:57
Citazione

il fotovoltaico è il cosiddetto "specchio per le allodole", nel senso che il rendimento è ancora piuttosto basso, lo smaltimento però costerà un bel po', a quel punto secondo me il gioco non vale la candela.

Si infatti, la Grecia come il Salento sono i posti dove ci sono più eolico, questo è dovuto al fatto che c'è sempre vento, la mia provincia è la prima in italia per intensità. Come dice Marco "specchio per le allodole" primo perchè produzione insignificante, secondo perchè impiantate su terreni fertilissimi dove si producevano Olive, Viti etc. ora dismessi senza che nessuno possa avvicinarsi per ovvi motivi, oltre al problema smaltimento a fine contratto, quando questo avrà un costo maggiore dei benefici ricevuti.

Nella mia città abbiamo due Centrali Termo Elettriche tra le più grandi d'Italia, una fornisce Energia Elettrica a mezza Italia fino in Toscana, la seconda Centrale sempre a "Carbone" ex ENEL è stata chiusa per vetustà e convertita (meno male), quindi non vi era alcun motivo per impiantare tanto eolico in zona, idem per i Pannelli Solari altra piaga che ha sottratto altri campi fertili.

Io non sono contro questi impianti, ma perchè non farli su territori aridi o pietrosi dove non è possibile coltivare senza sciupare tanti campi fertilissimi.

Commento modificato il 10/09/2019 alle ore 23:31:18


- AfA One - AROS One x86 - AROS One 68K - AfA One PPC - WinUAE OS 4.1 -

consulenza informatica ambito aziendale - appliance sicurezza - ambienti server multipiattaforma - servizi hosting - networking

Post inviati: 3233

Visulizza profilo Messaggio Personale
217.133.133.*** Mozilla/5.0 (Macintosh; Intel Mac OS X 10.12; rv:69.0) Gecko/20100101 Firefox/69.0
Commento 20 in risposta al 15 di Mak73
divina 10 Settembre 2019    23:30:51
Citazione

Citazione

piccolo OT
In recenti viaggi in Grecia, ho notato moltissime installazioni di eolico (sarà che loro hanno il meltemi) in zone montuose (di media altitudine)
Mi è parsa una soluzione molto virtuosa e magari anche nel nostro bel paese si potrebbe incidere di più in tal senso



Guarda, io lavoro all'enel e vedo un po' tutte le soluzioni, secondo me al momento il problema più grosso è immagazzinarla. Riguardo alla produzione il fotovoltaico è il cosiddetto "specchio per le allodole", nel senso che il rendimento è ancora piuttosto basso, lo smaltimento però costerà un bel po', a quel punto secondo me il gioco non vale la candela. Per chi ha preso gli incentivi si, ma non per gli altri.



concordo riguardo al fotovoltaico; riguardo la mia esperienza in Grecia invece mi riferivo all' eolico (secondo i tecnici locali il risultato era molto valido e fornivano una erogazione adeguata per il contesto in intere zone) ; un po' impressionante da vedere comunque (alcune centinaia di installazioni in zone molto aride in media altitudine)

Utenti in IGNORE: AfAOne, carlo

MorphOS 3.11 PowerMac G5 &&Pegasos2 G4 &&AmigaOne G4 //AmigaOS4.1 FE - AMiGA4000T&D PPC/060 &&3000D &&2000 &&1200T&D &&600 &&500+ &&500 - Mac Intel &&PowerPc - x64 servers -


Pagine: - [1] -2-

Utenti Online
Utenti registrati: 981 dal 1 Gennaio 2006
di cui online: 0 registrati - 
9 non registrati

Benvenuto all'ultimo utente registrato: slpcitap

Buon Compleanno a turok641 - 

© Amigapage 1998 - 2007 - Sito italiano dedicato alla piattaforma Amiga ed evoluzioni varie.
Struttura del sito interamente ideata e realizzata da Marco Lovera e Alessandra Lovera - Tutto il materiale inserito all'interno del sito Ť dei rispettivi autori/creatori.
E' assolutamente vietata la riproduzione o la manipolazione di tutti i contenuti o parte di essi senza l'esplicito consenso degli amministratori e degli autori/creatori.

Eseguito in 0.097181081771851 secondi